Sideremia bassa: cause, sintomi e rimedi

By at 13 maggio, 2013, 2:45 pm

La sideremia indica i livelli ematici di ferro, questo valore si attesta spesso su livelli inferiore rispetto alla norma in alcuni soggetti particolari quali adolescenti o donne in età fertile. La sideremia bassa rivela che la concentrazione di ferro libero nel plasma sanguigno è inferiore ai 60 mcg/dl; generalmente la soglia minima è pari a 75 mcg/dl, nei soggetti che non hanno disturbi particolari.

sideremia analisi del sangue dieta rimedi naturali Sideremia bassa: cause, sintomi e rimedi


buygems banner Sideremia bassa: cause, sintomi e rimedi

Tra le cause che determinano i valori sideremici bassi ci possono essere perdite consistenti di sangue, quali emorragia o problemi a livello intestinale; anche ulcere e gastriti possono essere evidenziate da una bassa sideremia. Anche i soggetti che soffrono di celiachia hanno dei problemi nell’assorbimento di molte sostanze nutritive dal cibi, e quindi anche il ferro viene assimilato con difficoltà mostrando dei livelli bassi di ferro. Anche in caso di flusso mestruale abbondante le donne possono soffrire di anemia sideropenia, durante la gravidanza l’anemia sideropenica è ritenuta fisiologica in quanto il bambino assimila la sua fonte di ferro.

Tra i sintomi della carenza di ferro ci sono:

  • spossatezza,
  • irritabilità,
  • sonnolenza,
  • capogiri al mattino,
  • dimagrimento,
  • riduzione dell’appetito,
  • deficit mnemonici,
  • disturbi del sonno,
  • tachicardia,
  • ma anche perdita di capelli ed unghie fragili.

In caso di sideremia bassa viene consiglia una dieta che includa un maggiore apporto di alimenti ricchi di ferro, tra gli alimenti da adottare vengono indicati in particolare: la carne (soprattutto le frattaglie e il fegato), le uova, i latticini, i legumi, le verdure verdi, il pesce, i frutti di mare, il cioccolato fondente.

sideremia alta dieta ferro Sideremia bassa: cause, sintomi e rimedi

Il ferro contenuto nei vegetali e nei legumi non viene assimilato facilmente dall’organismo, per metabolizzarlo deve essere abbinato a cibi ricchi di vitamina C. Sono utili anche degli integratori alimentari che devono essere prescritti dal medico.





Categories : Benessere

Commenti
tonia 30 luglio 2013

molto interesante..

admin 5 agosto 2013

Grazie Tonia se l’articolo ti è piaciuto, sostienici condividendo con i tuoi amici questo ed altri post sui social network, ci aiuterai a continuare a scrivere nuove guide interessanti! Non dimenticarti di visitare gli altri siti del network Legginotizie.com

Lascia un commento